Avevo un legame precedente con Neoneli. Quando suonai a Sardegna Chiama, conobbi i Tenores di Neoneli. Mi chiedevo se fossi riuscito a ritrovarli. Misi un post su Facebook come richiamo, pensando di avere tirato un sasso nello stagno. Niente di più sbagliato. Ero arrivato da meno di dieci minuti, che mi sentii toccare la spalla. Era Angelo Piras. Era come se ci conoscessimo da sempre. Specie al bar, dopo qualche Ichnusa. Avevo viaggiato tutta la notte sul traghetto (quando riesco ad evitare l’aereo mi sento più a mio agio, ho visto tutte le puntate di Indagini ad Alta Quota).
Angelo Piras mi ha raccontato la vita nei Tenores. Ritrovarsi a Shangai, città in cui, nello spazio di un verde di semaforo, attraversa la strada un numero di persone a volte superiore degli abitanti di Neoneli (sono parole sue).
Sono stato portato da Cagliari a Neoneli da Teo, un autista che mi ha introdotto alla Sardegna (tutti i sardi ti introducono alla Sardegna, fosse anche la duecentesima volta) in maniera eminenziale. Abbiamo cantato in macchina il Trallallero, praticamente il freestyle sardo.

Grazie, Teo, ho ancora la registrazione.

Neoneli è stupenda. Le persone che la abitano lo sono.
Neoneli è un social. Le persone condividono. Solo che è vita reale.

Io e Jacopo avevamo il compito di spiegare i mutamenti della canzone italiana. E addentrarsi sino a Sfera Ebbasta, partendo da Vola Colomba, che eseguiamo dal vivo per la prima volta.

Abbiamo passato del tempo meraviglioso con Alessandra Castellani, Massimo Zamboni, la sua band e il manager, Alberto Masu, Tiziano Scarpa, Matteo Cruccu, Andrea Alfano.

Sindaco e vicesindaco di Neoneli sono le persone che ognuno vorrebbe avere in questo ruolo nella propria città.

La persona nell’immagine, al termine dell’incontro, ci riconosceva il merito di avere fatto apprezzare Sciroppo di Sfera Ebbasta, artista che disprezzava.
Di questa giornata conservo invece una foto in compagnia di Piergiorgio Odifreddi e due signore di Neoneli che si sono offerte alla fotografia in abiti tradizionali. David Lynch ne è informato. In confronto, Twin Peaks è la Melevisione.
David, contattami in pvt.

Le foto sono di Andrea Alfano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *